STORIE DI GATTI

PRIMA

LA GATTA BIANCA E ROSSA

Lo so, l’argomento è banale e molto inflazionato. Centinaia di post e video celebrano la piccola tigre.

Ma chiedo a chi avrà la pazienza di leggere,di permettermi di raccontare dei vari tipi di gatto, che ho conosciuto io. Ho avuto alcuni gatti da piccola o forse già da allora erano loro ad avere me. Comunque fosse, una gatta bianca e rossa andava e veniva da casa mia alla cantina del sottoscala esterno all’abitazione, dove dava la caccia ai topi. Un giorno l’ho vista più indaffarata del solito. Comincio’ ad aggirarsi per tutta le stanze con una certa circospezione. Sparì per un po’ e infine si ripresento’ alla porta di casa aperta,perché era estate, con un fagottino in bocca. Lo deposito’ delicatamente sul pavimento del ripostiglio nel punto più lontano dal suo ingresso e sparì di nuovo. Questa operazione si ripete’ varie volte. Non capivo cosa fossero quegli involti:avevo cinque o sei anni ed era la prima volta che vedevo un comportamento del genere in un gatto. Mi facevano paura e ribrezzo quelle che mi sembravano le prede, che essa si accingeva a divorare. Ad un certo punto,non capendo cosa fosse quell’accumulo di roba pelosa,chiamai la mamma, che dopo aver visto,stette a pensare un po’, molto perplessa anche lei. Poi mi spiego’ che la roba pelosa erano gattini e la mamma gatta per timore dei topi della cantina li aveva portati da noi.

–Ah, ho capito! –Dissi.

–Non vuole che toccano i gattini i topi. E se li tocco io?–

–Meglio di no,Rosetta,se no la gatta si arrabbia e ti graffia.–

–Ma alla gatta, dissi io, chi glieli ha dati i gattini? —

–La cicogna. — Disse la mamma.

–E siccome la gatta era in cantina glieli ha portati là. —

Questa era la spiegazione, che si usava dare allora ai bambini per spiegare la nascita. Cosi’ per quel giorno andai nel ripostiglio solo per guardare i gattini e la gatta che li allattava, mantenendomi vicino alla porta. Ora avrei capito che il povero animale era esausto, ma allora certo no. Quindi il giorno dopo al risveglio il mio primo pensiero fu di ritornare dagli ospiti del ripostiglio.La gatta sembrava dormire, dei gattini qualcuno allattava e qualcuno ad occhi chiusi com’è d’obbligo per un gattino neonato,tentava qualche movimento cercando di issarsi sulle zampette,per poi “squattare” col pancino sul pavimento. Mi avvicinai alla famigliola con l’intento di accarezzare i gattini. La mamma gatta sentendo la mia presenza apri gli occhi, gettandomi in faccia uno sguardo giallo carico d’odio, infine si alzò e comincio’ a soffiare verso di me,esprimendo la sua massima irritazione per la mia troppa vicinanza.

Feci un balzo indietro verso la porta e correndo e chiamando andai a rifugiarmi da mia madre.

Il giorno dopo in mattinata la gatta bianca e rossa ricominciò il trasporto dei gattini dal ripostiglio a chissà dove.

Avrei voluto fermarla,ma il timore me l’ho inpedi’. Non l’ho più rivista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: